Le macchine ribelli: Creazione di un futuro robotico

I robot vengono visti in maniera contrapposta dai media. Un minuto prima sono la risposta a una società più sicura e automatizzata e subito dopo stanno rubando il nostro lavoro e minacciando di conquistare il mondo. Beh, almeno questo è quello che ci hanno portato a credere con un flusso quasi costante di articoli, rapporti e notizie che evidenziano l’imminente rivoluzione robotica. Questi robot rappresentano sistemi in grado di comprendere il comportamento umano e prendere decisioni e la loro prevalenza nel nostro mondo è in aumento. IDC ha stimato che la spesa mondiale in materia di robotica e servizi correlati sarà più che raddoppiata entro il 2020, passando da $ 91,5 miliardi nel 2016 a oltre $ 188 miliardi nel 2020.

La robotica è ormai parte integrante della nostra società e nei prossimi anni queste macchine diventeranno molto più capaci di prendere decisioni per nostro conto, in scenari più complessi. E questo diventerà il catalizzatore per l’adozione di massa e la saturazione della robotica in molte delle nostre industrie.

Ma quanto di questa retorica è effettivamente vera? I robot sono qualcosa da temere o abbracciare? In questo documento descriviamo le aree chiave da osservare quando si tratta del futuro della robotica.

Nuove opportunità di mercato nella Robotica

Nei prossimi 10 anni la robotica avrà un impatto crescente sulle nostre vite, sia a casa che al lavoro. I progressi tecnologici e la riduzione dei costi stanno a significare che ora è possibile aggiungere un grado di automazione a quasi tutti i dispositivi. Un certo numero di industrie stanno aprendo la strada, godendo dell’efficienza e del risparmio, che derivano dall’automazione:

  • La prima area in cui abbiamo assistito a incredibili progressi negli ultimi anni è costituita da droni e veicoli aerei senza equipaggio (UAV) che hanno visto una crescita enorme nella loro produzione, vendita, utilizzo e potenziale applicazione. L’opportunità per i droni di avere un impatto su numerose industrie è enorme dalla trasmissione in diretta di eventi sportivi, l’uso da parte dei servizi di emergenza, l’esercito, i servizi di consegna, la realizzazione di film e la sorveglianza.
  • I sensori sono un’altra area della robotica che sta aprendo un mondo di possibilità per far progredire la medicina e l’assistenza sanitaria – dalle tecnologie per sostituire la vista perduta, l’udito e le protesi avanzate alla lente a contatto, sviluppata da Google, in grado di rilevare la temperatura corporea e i livelli di glucosio per aiutare i pazienti a gestire il loro diabete.
  • Anche il mondo del trasporto automobilistico sta subendo una rivoluzione robotica. Abbiamo visto tutti il clamore sull’emergere di automobili autonome o senza conducente. Jeff Klei, presidente della regione nordamericana di Continental AG, prevede che ben 20 milioni di veicoli autonomi saranno in circolazione entro il 2035 e un certo numero di grandi marchi ha fatto significativi progressi iniziali nello sviluppo di veicoli autonomi, tra cui Google, Tesla e Uber, le cui “auto senza conducente” sono state testate in California nel 2016.

I vantaggi e i benefici a lungo termine che le auto connesse ci offrono sono eccezionali, dalla gestione del traffico alla sicurezza. Ci sono anche molti benefici economici e ambientali a lungo termine associati alla diminuzione delle auto sulle nostre strade, dovuto al previsto scostamento delle auto personali di proprietà.

  • La robotica ha un ruolo positivo nel settore manifatturiero e nella supply chain, aiutando ad automatizzare le linee di produzione, incrementando i volumi di produzione, migliorando la garanzia della qualità e riducendo sia i costi che i tempi necessari per creare i prodotti.
  • I robot hanno anche molti campi di applicazione in agricoltura e sono facilmente accettati in un’industria che da secoli sfrutta le nuove tecnologie e si affida alle macchine per lavorare in modo più intelligente e veloce. In un futuro non troppo lontano, molti prevedono che interi cicli colturali potrebbero essere gestiti autonomamente con campi, seminati, coltivati e raccolti da flotte robotizzate, in grado di lavorare più ore di quanto un essere umano possa mai fare. In Giappone, la prima azienda agricola al mondo interamente automatizzata, che produce lattuga, è prevista per il lancio quest’anno.

Ovunque queste industrie pionieristiche conducano, siamo sicuri che ne seguiranno molte altre e si svilupperanno applicazioni completamente nuove. Una relazione del Parlamento europeo ha persino affermato che la robotica ha il “potenziale di prosperità virtualmente illimitata”. Sebbene l’automazione porti sfide, è importante riconoscere il suo potenziale per portare enormi benefici a vari settori, perché i progressi non saranno fatti fino a quando l’automazione non sarà accettata come una parte inevitabile del nostro futuro iniziando a considerare le possibilità e non i rischi.

Non dimentichiamo gli umani

Nonostante i vantaggi della robotica, l’automazione dell’industria sta sollevando preoccupazioni sul fatto che la robotica possa portare alla rilevazione da parte dei robot di molti dei lavori svolti dagli esseri umani, mettendo a repentaglio il futuro dell’occupazione. In un recente rapporto, il World Economic Forum ha predetto che l’automazione robotizzata determinerà la perdita netta di oltre 5 milioni di posti di lavoro in 15 nazioni sviluppate entro il 2020. L’analista Forrester ha anche riferito che entro il 2021 i robot avranno eliminato il 6% di tutti i lavori negli Stati Uniti, a partire da rappresentanti del servizio clienti, seguiti da camionisti e tassisti.

Tuttavia, dalla rivoluzione industriale gli umani si sono adattati alle nuove tecnologie: prima al vapore, seguito dall’elettricità e poi dai computer.

È vero che l’automazione avrà un profondo impatto sui tipi di posti di lavoro disponibili in futuro, ma la robotica rischia di determinare uno spostamento delle competenze piuttosto che una disoccupazione di massa. È anche probabile che la robotica si tradurrà in molte nuove posizioni per lavori di alto e basso livello, come i ruoli di manutenzione dei robot.

Come la revisione della tecnologia del MIT osserva, almeno dagli anni ’80, i computer hanno assunto sempre più compiti come la contabilità, il lavoro d’ufficio e lavori di produzione ripetitivi nel settore manifatturiero, tutti in genere forniti di retribuzione di classe media. Allo stesso tempo, proliferano i lavori più remunerativi che richiedono creatività e capacità di risoluzione dei problemi, spesso aiutati dai computer. Lo stesso si può dire per i lavori a bassa specializzazione; la domanda è aumentata per i ristoratori, gli addetti alle pulizie e altri lavori di servizio che sono quasi impossibili da automatizzare.

La realizzazione dell’industria 4.0

Gran parte delle preoccupazioni relative alle perdite di posti di lavoro sono state finora incentrate su robot industriali che rendono gli umani obsoleti. I robot industriali ora sono molto più di un semplice braccio robotico e quando entreremo nell’industria 4.0 vedremo i computer e l’automazione riunirsi in un modo completamente nuovo, con la robotica collegata in remoto a sistemi informatici dotati di algoritmi di apprendimento automatico che possono apprendere e controllare la robotica con un minimo di input da parte degli operatori umani.

L’industria 4.0 ruota intorno alla fabbrica intelligente dove i sistemi robotici monitorano i processi fisici e hanno la capacità di prendere decisioni. Sebbene la robotica industriale è in qualche modo in circolazione dal 1960, gli enormi progressi nella micro-elaborazione denota un’esplosione di robot industriali in tutto il mondo, portando un miglioramento della qualità, della sicurezza e dei risparmi sulla linea di produzione con casi reali di studio che iniziano ad emergere. La fabbrica di Changying Precision Technology Company, nel centro di Guangdong, in Cina, ha affermato che la sostituzione degli esseri umani con i robot ha contribuito ad aumentare la produttività e la qualità. Utilizzando apparecchiature di lavorazione automatizzate e piste di trasporto autonomo, la fabbrica è riuscita a ridurre il personale di 650 dipendenti a soli 60 dipendenti. Ha registrato un aumento della produzione del 162,5% e una riduzione del tasso di difetto inferiore al 5% dal 25% Al contrario, la casa automobilistica di lusso Mercedes-Benz ha recentemente dichiarato che i robot non possono fornire la stessa flessibilità e destrezza offerta dagli operatori umani, poiché queste macchine non possono tenere il passo con il grado di personalizzazione nel suo processo di produzione.

Leslie Willcocks, professore di tecnologia, lavoro e globalizzazione presso il Dipartimento di Management della London School of Economics and Political Science afferma anche che i lavori che potrebbero essere sostituiti con i robot sono “ad alto volume, altamente ripetitivi e non adatti agli umani”. La sua ricerca prevede che la maggior parte dei luoghi di lavoro in futuro non saranno ambienti completamente automatizzati e privi di esseri umani, ma piuttosto team di uomini e robot che lavorano insieme con compiti assegnati per i quali sono idealmente adatti.

Tuttavia, questo nuovo panorama industriale richiederà un nuovo approccio all’ingegneria per realizzare il suo potenziale.

Creazione di un futuro robotico

La proliferazione dei robot richiederà un nuovo modo di pensare e un cambiamento nell’istruzione per aiutare la prossima generazione di ingegneri a trarre vantaggio da questo settore redditizio in rapida crescita. Ciò significa allontanarsi dai metodi tradizionali di insegnamento degli ingegneri e imparare a fondere quelle che storicamente sono stato due discipline molto separate l’ingegneria elettronica e meccanica. Essere specializzati non va bene in un mondo robotico che fa affidamento sia sugli elementi fisici che computazionali dell’ingegneria. Questo è simile al cambiamento sperimentato circa 10 anni fa quando l’ingegneria del software e dell’hardware smise di essere insegnata separatamente e invece si adottò l’ingegneria elettronica.

Non è solo l’istruzione di livello universitario che richiede un ripensamento, dobbiamo anche vedere uno spostamento nel pensare fin dalle primissime basi dell’istruzione. Nel 2014 il Regno Unito ha compiuto il primo passo in questo viaggio aggiungendo il computing al curriculum nazionale a partire dai cinque anni. Abbiamo anche fatto progressi con strumenti e programmi progettati per ispirare la prossima generazione di ingegneri, come ad esempio innovazioni come QuadBot, una piattaforma di robotica accessibile a principianti ed esperti, che promuove abilità nella codifica, stampa 3D, design, elettronica e matematica dei robot.

Tuttavia, molte persone si chiedono se questo è sufficiente. Dati tratti dall’Office of Qualifications and Examinations Regulation (Ofqual) pubblicato nel giugno 2017 rivelano che nonostante l’educazione informatica nelle scuole britanniche abbia attraversato una massiccia rivoluzione negli ultimi anni, c’è stata solo una piccola crescita negli studenti che hanno preso il nuovo GCSE in informatica. Un sondaggio di EngineeringUK ha anche evidenziato un preoccupante divario di competenze. Il rapporto dice che tra il 2012 e il 2022, le società di ingegneria del Regno Unito dovranno reclutare 2,56 milioni di persone; di questi, 257.000 saranno per riempire nuovi posti vacanti piuttosto che sostituire le persone.

Ciò che è chiaro è che anziché fare del computing un soggetto che si trova alla periferia dell’orario scolastico, deve essere considerato come la quarta alfabetizzazione accanto alla lettura, alla scrittura e all’aritmetica per garantire che il Regno Unito tenga il passo con la nuova rivoluzione industriale.

Secondo una ricerca di Dmitry Grishin, capo di Grishin Robotics, il più grande fondo di venture capital al mondo dedicato esclusivamente ai robot, il futuro della robotica è guidato dalla crescente popolarità di componenti elettronici a basso costo come il Raspberry PI e la scheda Arduino open source.

L’avvento del computing a basso costo sta aiutando ad aprire la robotica ad un pubblico molto più vasto e a rivitalizzare il movimento di robotica domestica, con gli hobbisti che sono in grado di costruire i propri dispositivi autonomi per una frazione del prezzo. Il mercato è ora pieno di connettori e sensori innovativi che supportano la costruzione di robot.

Ma il successo del mercato hobbista e il potere di ispirare gli ingegneri di domani dipenderanno dall’ecosistema che lo supporta. Si ha bisogno non solo dei connettori e dei componenti giusti, si ha bisogno degli strumenti, dell’ispirazione e delle risorse che guidano gli ingegneri attraverso il prototipo, la progettazione e la produzione per garantire che il mercato della robotica arrivi nel 2020 a diventare un’industria da 188 miliardi di dollari.

Articolo tratto da “DesignSpark”